icon facebookicon youtubeicon instagram

Consorzio

Il “Consorzio della Cistecca Montese” nasce a Monte di Procida (NA) nel 2014.
Esso ha come obiettivo principale la promozione, la tutela e la valorizzazione della gastronomia dei Campi Flegrei e dei piatti tipici locali, tra cui spicca “La vera cistecca montese”.

LA VERA CISTECCA MONTESE E IL MARCHIO COLLETTIVO

È un panino dalla forma ovaloide, uno sfilatino croccante e fragrante, in cui il piacere del pane cotto alla brace si fonde con i sapori della carne bovina, e il gusto della scamorza filante si amalgama perfettamente con gli aromi e gli altri condimenti della tradizione dei Campi Flegrei.

La qualità e l’unicità del prodotto sono oggi garantite da specifiche norme e regole di comportamento che i produttori (macellai, panettieri, ristoratori) devono rispettare durante l’intero processo di produzione e commercializzazione del prodotto. Queste norme sono state tradotte in un “Disciplinare di produzione” e hanno portato alla registrazione nel 2015 del marchio collettivo “La vera cistecca montese”

PROCEDURA DI ISCRIZIONE

La procedura prevede DUE distinte fasi.

  1) ADESIONE - Acquisizione della qualifica di SOCIO.

Per iscriversi al consorzio è necessario procedere con la:

    • Compilazione e presentazione della domanda di adesione e versamento della quota sociale annuale e relativa acquisizione della qualità di socio.

  2)  AFFILIAZIONE -   Acquisizione della qualifica di SOCIO AFFILIATO al marchio collettivo de “La vera cistecca montese”.

Per completare il processo di affiliazione è necessario attuare le seguenti fasi:

    • Compilazione e presentazione al Consiglio Direttivo della domanda di affiliazione al marchio collettivo de “La vera cistecca montese”.
    • Partecipazione a un corso di formazione teorico-pratico gratuito di due giorni per acquisire le competenze tecnico-professionali necessarie a produrre “La vera cistecca montese”.
      o in alternativa
    • Invio di un video che riprende l'intero processo di preparazione della carne e del panino, in modo da verificare che esso avvenga secondo il disciplinare.
    • Approvazione della domanda da parte del Consorzio e relativa concessione per l’utilizzo a titolo gratuito del marchio collettivo. L’autorizzazione rimane valida fino al permanere delle condizioni sottese al rilascio.
    • Autorizzazione a produrre il panino, con l’obbligo di acquistare le materie prime (es. carne) da fornitori qualificati, selezionati accuratamente dal Consorzio.